GESUALDO NOSTRO CONTEMPORANEO

(2016, 40')
un documentario di: Sandro Cappelletto e Nino Criscenti
fotografia: Angelo Marotta e Raffaele Cirillo
montaggio: Anjan Di Leonardo
suono: Igor Fiorini
produzione: Land Comunicazioni e Fondazione Camillo Caetani
con la partecipazione di: Walter Testolin e Ensemble De Labyrintho

Una sera a Palazzo Caetani. Nel salone del piano nobile appena restaurato. Si alzano gli occhi al soffitto ligneo di fine ‘500, al trionfo di colori, rosso, azzurro, oro. Poi lo sguardo va ai paesaggi affrescati da Paul Bril. Si faceva musica nel salone. E chi può dire che non si siano sentiti tra quelle pareti anche i madrigali di Gesualdo? Il principe Carlo Gesualdo da Venosa, che affida la memoria di sé alla musica e non al doppio delitto che ha commesso: l’uccisione della moglie e dell’amante. Dimenticato e riscoperto, oggi annoverato tra i grandi innovatori del linguaggio musicale. Nel documentario risuonano in Palazzo Caetani i suoi madrigali, mentre il racconto evoca fatti, persone, arditezze e ci conduce nei luoghi di Gesualdo, da Napoli dove ha consumato il delitto al castello sui sassi dell’Irpinia dove si è chiuso a scrivere musica, per vincere il suo tormento. “Mercé grido piangendo, ma chi m’ascolta?”